Archive for giugno, 2012

postheadericon Milkshake – Ricetta TeoSchina

da “Web e gusto” – TeOoh!


In questi giorni così caldi mi era un po’ sceso l’estro culinario, ma poi ho avuto un’illuminazione: milkshake. Mi sono quindi fiondato in rete e… ho scoperto come al solito che ognuno lo fa a modo suo, quindi… ecco qua la mia ricetta personalissima, ma sanissima e gustosissima!

Verifica di avere:

  • Gelato al fiordilatte
  • Latte
  • #Ingrediente#
  • 1 frullatore (!fondamentale!)

Si parte!

Per #Ingrediente# intendo tutto ciò che ti andrebbe di assaporare nel milkshake che ti stai preparando.

So anche che molti utilizzano i cubetti di ghiaccio tritati, ma penso che con la mia tecnica eviti di avere gli sgranocchini sotto ai denti ottenendo lo stesso risultato (seppur con un attimo in più di pazienza).

In questo caso: Milkshake TORRONE E CIOCCOLATO

Tritura un pezzo di torrone e il cioccolato fondente in una polvere uniforme. Io ho usato il mixer perchè non ero sicuro della potenza del frullatore, ma se il tuo #Ingrediente# è più malleabile no problem, fanno tutto le lame del piccolo.

Metti poi in quantità 3 gelato e 1 latte in un bicchierone alto. (Per esempio io ho usato 240ml di gelato e 80ml di latte).

Frulla per circa 2 minuti fino a rendere tutto una crema.

Aggiungi quindi l’#Ingredente# e dai ancora un 2/3 minuti di frullatura. A questo punto devi ottenere proprio una spuma incorporando tanta aria.

Metti quindi tutto in freezer per almeno 15 minuti in modo da ghiacciare un poco il tutto.

Nel frattempo mi sono sbizzarrito in una variante con MENTA E CIOCCOLATO. In questo caso l’#Ingrediente# è lo sciroppo di menta e il cioccolato fondente è stato triturato direttamente dal frullatore.

A tavolaaaaaa! in 20 minuti circa.




Fai attenzione al disastro in cucina…. devo sistemare prima che la Nceschi se ne accorga! ARGH!

postheadericon Pollo alle nocciole – Ricetta TeoSchina

da “Idee rimaneggiate” – TeOoh!

Parto già col dire che se non sembrano petti di pollo è perchè… sono petti di tacchino. Ma essendo finito il primo volatile, ho preferito ripiegare sul più vicino in termini culinari. Il motivo della ricerca? Avevamo delle nocciole da far fuori.
La ricetta è davvero gustosa, non capisco come mai non mi sia venuto in mente prima. In rete se ne trovano diverse versioni, alcune vicine al pollo alle mandorle, altre più ardite come accostamenti.
Questa è … la mia!

Verifica di avere:

  • 4 filetti di pollo (ehm tacchino)
  • 200g di nocciole
  • 1 uovo
  • pane grattugiato
  • olio per friggere
  • 1 manciata di farina
  • sale e pepe
  • 1 padella
  • 3 piatti

Si parte!
Metti qualche cucchiaio d’olio nella padella e inizia a scottare le bistecchine per un 2/3 minuti su entrambi i lati.

Nel frattempo, rompi l’uovo e sbattilo insieme a sale e pepe in uno dei piatti.

Ora diventa interessante, divertente e deleterio per l’ordine della tua cucina tutto insieme!

Con un mixer o tanta pazienza tritura le nocciole e mescolale con il pan grattato e fanne una farina uniforme.

Prepara la sequenza di piatti in questo modo: piatto farina, piatto uovo, piatto pane grattato nocciolato.
Passa quindi le fettine in quest’ordine fino ad ottenerne una panatura.

Alza quindi un po’ la fiamma e finisci la cottura delle bistecche fino ad ottenerne una buona doratura.

Chiama tutti a tavolaaaaaaaaaa! In 20 minuti circa.

postheadericon Cous cous alle verdure – Ricetta TeoSchina

da “Un po’ qua un po’ là” – TeOoh!

Ho trovato il cous cous in offerta all’ipercoop, quindi ho pensato bene di testare le mie capacità in cucina affrontando una ricetta tipica del nordafrica. Il problema però è stato recuperare una ricetta comune dal web. Ognuno millanta di avere quella “originale”, ma di fatto, tutte si discostano per qualcosa tra di loro. In effetti, risulta difficile come definire una “paniscia media”.
Quindi cosa ho fatto? Ne ho creata una anch’io attingendo dai punti che più mi aggradano.
La ricetta non è di per sè complessa, ma richiede una buona dose di pazienza nella preparazione.

Verifica di avere:

  • 250g di cous cous
  • 250ml di acqua
  • 1 melanzana
  • 2 carote
  • 2 zucchine
  • mezza cipolla
  • 8 pomodorini ciliegini
  • olio EVO
  • 1 noce di burro
  • sale
  • peperoncino 
  • basilico
  • 1 pentolino
  • 1 padella grande

Si parte!
Parto dalla melanzana: lavala bene sotto l’acqua e tagliala a cubetti. Poi mettila in uno scolapasta e cospargila di sale grosso. Lasciala così per una quindicina di minuti per farle perdere l’amarognolo insieme a un po’ d’acqua.

Spostiamoci quindi al resto delle verdure: stesso trattamento, lavale, puliscile e tagliale a piccoli cubetti.

Metti quindi un cucchiaio d’olio nella padella grande, accendi il fuoco basso e metti a stufare le zucchine, le carote, la cipolla.

A lato, metti a bollire l’acqua in peso uguale circa al peso del couscous (come da lista), sala. Poi spegni il fuoco, butta il couscous assieme ad una noce di burro. Mescola fino al completo assorbimento dell’acqua.
Quando hai fatto, sgrana i pallini rastrellando velocemente con una forchetta.

Nel frattempo, dovrebbe essere pronta la melanzana. Aggiungila quindi assieme alle altre verdure accompagnata dai pomodorini. Aggiusta di peperoncino e fai cuocere per un 10 minuti alzando leggermente la fiamma.

Forma quindi su un piatto da portata una montagnola con il couscous e metti intorno le verdure. Spolvera di basilico e… a tavolaaaaaaaaaaaaa! In 30 minuti circa.

postheadericon Spaghetti cacio e pepe – Ricetta TeoSchina

da “Google, amico mio” – TeOoh!

Incredibile come ricette così famose siano allo stesso tempo così semplici da preparare. Aspetta, semplici nella tecnica, perchè poi c’è dietro tutta l’arte nel dosare al punto giusto il cotture/ingredienti per definire la ricetta “d.o.c.”.
A me ad esempio sono risultati leggermente meno cremosi di quanto il mio cervello mi permette di ricordare. Quindi… per adesso vi regalo lo step 1, con la ripromessa di tentarci di nuovo ed avvicinarmi di più al top!

Verifica di avere (x 4 persone):

  • 500g di spaghetti
  • 250g di pecorino romano (il cacio!)
  • pepe
  • olio
  • sale
  • 1 pentola
  • 1 padella
  • 1 ciotola

Si parte!

Metti a bollire l’acqua per la pasta, ci servirà anche per la sezione “cacio”. Ricordati di salare POCO quando bolle e potrai buttarci gli spaghetti. Il cacio, infatti, è già sufficientemente salato, evitiamo quindi di prosciugare i fiumi per calmare la sete.

In una ciotola dai bordi sufficientemente alti, grattugia il cacio. Poi, quando l’acqua nella pentola inizierà a bollire, versane 3/4 cucchiai all’interno della ciotola. Procedi a mescolare fino ad ottenere una crema uniforme e senza grumi.

Butta gli spaghetti, ma scolali un 2 minuti prima dell’effettiva cottura definitiva. Tieni anche da parte un po’ di acqua di cottura!

Passa quindi spaghetti e crema nella padella con un giro d’olio . Aggiungi acqua di cottura per rendere tutto cremoso e terminare la cottura.

Spolvera di pepe in maniera abbondante e consistente. In verità io non sono stato così abbondante in padella, perchè la Nceschi non è un’estimatrice, ma poi nel piatto ho recuperato! Per la prossima volta: più acqua più acqua più acqua!

Chiama tutti a tavolaaaaaaaaaaaaaa! In 15 minuti circa.


Hit Counter provided by Skylight